/ Calcio

Calcio | 14 febbraio 2020, 07:50

CALABRO' VERSO LE 400 PANCHINE - Il mister del Mathi: "Felice ed orgoglioso"

Un viaggio in panchina che inizia al Valsusa dopo un grave infortunio in campo da giocatore

Natalino Calabrò

Natalino Calabrò

Domenica saranno ben 400 panchine in carriera. C'è orgoglio e felicità per Natalino Calabrò, condottiero di un MathiLanzese che in Prima girone C ha vinto cinque partite di fila.

>>> CLASSIFICA

Calabrò ci racconta le sue emozioni con un tuffo all'indietro: "Ho iniziato la carriera con la prima squadra al Valsusa dopo un grave infortunio al crociato da giocatore...Si trattava del campionato di Seconda, centrammo una vittoria storica. Mai la squadra di Villarfocchiardo era arrivata così in alto e da lì non ci siamo più fermati. Dopo un altro anno al Valsusa sono passato al Caselette, allenando assieme a Davide Iguera e conquistando un terzo posto. Poi sono passato al Valdellatorre dove facemmo 11 vittorie e 3 pareggi dopo un inizio con 4 punti in 4 partite, raggiungendo un ottimo sesto posto nonostante l'iniziale obiettivo salvezza. Non posso dimenticare gli anni al Lesna Gold, dove siamo arrivati secondi ad un punto dal Rivoli campione facendo 20 risultati utili consecutivi e poi collezionando un terzo, quarto, quinto e sesto posto. Al Bussoleno Chianocco il primo anno abbiamo sfiorato i playoffs, il secondo abbiamo centrato una salvezza che sembrava impossibile". 

Il presente: "Ora festeggio le 400 panchine al MathiLanzese, un club storico e di grande blasone. Qui ho trovato una società forte presente ed un gruppo di ragazzi fenomenale. Voglio dire pubblicamente il mio grande grazie a tutti i giocatori che ho avuto la fortuna di allenare. Ho avuto la fortuna di conoscere giocatori, ma soprattutto uomini veri, da Le Piane, Grossi, Dobrojan, Paolo Croce, Carrara, Barbaro, Bertoldi al Valsusa a Gala, Boetto, Bongera, Branca, Torreggiani, Furno, Loi, Gervasi, Bugnone, Moretti al Lesna Gold, solo per citarne alcuni. Ringrazio anche il grande ds Culcasi del Lesna Gold, il presidente del Chianocco Rossero, i dirigenti Pent e Sciacca del Valsusa, Seccia e Iguera del Caselette e tutti i compagni d'avventura. Sono felice e orgoglioso di questo percorso calcistico e adesso si guarda avanti, con il mio MathiLanzese".

Michele Rizzitano

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium