/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| giovedì 11 ottobre 2018, 16:27

A Stupinigi sfreccia per primo Sonny Colbrelli: il Gran Piemonte numero 102 è suo

La corsa è stata caratterizzata da un fuga lunga più di 100 chilometri nata dopo i primi sette chilometri, grazie a Joey Rosskopf, Mikkel Honoré, Matteo Sobrero e Filippo Ganna. Secondo Florian Senechal, terzo Davide Ballerini

Sonny Colbrelli (immagine di repertorio)

Sonny Colbrelli (immagine di repertorio)

Sonny Colbrelli - da Desenzano del Garda, 28 anni compiuti a maggio, alfiere del team Bahrain-Merida, velocista e specialista delle classiche, professionista dal 2012- ha vinto l’edizione 102 del “Giro del Piemonte” (oggi Gran Piemonte), partita a mezzogiorno da Racconigi e dopo quasi 4 ore di gara perlopiù monotona e flagellata dalla pioggia battente conclusasi a Stupinigi, Palazzina Reale di Caccia nell’immediata cintura torinese .

Una volata “imperiale” lunga 300 metri la sua, con la quale ha messo in fila Florian Senechal e Davide Ballerini.

La corsa è stata caratterizzata da un fuga lunga più di 100 chilometri nata dopo i primi sette chilometri, quando si è formato un quartetto al comando con Joey Rosskopf, Mikkel Honoré, Matteo Sobrero e Filippo Ganna con un comando che oscillava tra i 2 ed i 3 minuti.

Ripresi i fuggitivi ed agendo di rimessa, andavano a quel punto in fuga Matti Breschel, Marco Marcato, Davide  Ballerini e Jan Hirt. Come ieri nella Milano-Torino, una caduta – stavolta sull’asfalto reso viscido dalla pioggia - di Hirt e Ballerini dava via libera a Breschel, successivamente raggiunto dall’ucraino Andriy  Grivko.

La coppia rimaneva al comando sino a Venaria, quando Grivko – al centro di una feroce polemica durante la terza tappa del “Dubai Tour” del 2017 per aver colpito Kittel con una gomitata e venire subito dopo squalificato dalla Giuria-  staccava Breschel e rimaneva solo al comando.

A 30 chilometri dall’arrivo il vantaggio del battistrada sul gruppo – decimato da una brutta caduta – era di 1’13”, a 20 chilometri di 34”, mentre il ricongiungimento avveniva a 12 chilometri dalla fine, dopo un lungo inseguimento al traino degli uomini della Bardiani CSF.

Poi tutti insieme sino al traguardo e la volatona di Colbrelli, uno dei favoriti della vigilia.

W.A.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore