/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| venerdì 11 gennaio 2019, 08:00

Toro tra mercato e Coppa Italia

Domenica la sfida contro la Fiorentina che può regalare i quarti di finale per il secondo anno di fila. Maxi Pereyra (ex Udinese e Juve) il possibile sostituto di Soriano

Un'mmagine della gara tra Torino e Fiorentina giocata in campionato lo scorso 27 ottobre

Un'mmagine della gara tra Torino e Fiorentina giocata in campionato lo scorso 27 ottobre

Il campionato per adesso è un pensiero ancora lontano. In casa Toro si pensa all’immediato, alla partita di domenica all’Olimpico contro la Fiorentina: un successo contro i viola vorrebbe dire centrare per il secondo anno di fila la qualificazione ai quarti di Coppa Italia.

La manifestazione rappresenta un’altra via (più breve ma forse più complicata) per accedere all’Europa, per questo anche il presidente Cairo ha voluto andare ad assistere all’allenamento di mercoledì per far sentire la sua vicinanza alla squadra e ribadire l’importanza dell’impegno. Il presidente ci tiene alla Coppa Italia e, in cuor suo, coltiva il sogno di passare sia questo turno che anche quello successivo, verosimilmente contro la Roma, per andare ad affrontare la Juve in un doppio derby di semifinale che rinfrescherebbe il ricordo di grandi sfide del passato.

Per questo, contro la Fiorentina si vedrà il Toro migliore, con tutti i titolari in campo (forse con l’eccezione di Ichazo, portiere di Coppa), in modo particolare Izzo e Meité che poi salteranno per squalifica la trasferta di Roma, che segnerà la ripresa del campionato sabato 19. E la curiosità è capire anche se, contro i viola, in una partita in casa e con l’obbligo della vittoria, Mazzarri vorrà utilizzare le tre punte come in campionato ha fatto solo in poche occasioni. Di certo, il tecnico e Cairo hanno fatto anche il punto sul mercato, quando il patron è stato in visita alla squadra.

Edera a giorni dovrebbe salutare, per andare in prestito (al Parma, al Chievo o al Frosinone) e avere quegli spazi che finora in granata ha avuto raramente, Soriano aveva già salutato a fine dicembre e, dopo essersi accasato in questi giorni al Bologna, ha dichiarato di aver sentito poco la fiducia attorno a sé nei quattro mesi vissuti in granata, glissando ovviamente sulle sue mancanze. Al Toro in pochi si sono disperati per la sua partenza, ma adesso la società deve valutare se sostituire il giocatore o provare ad arrivare in fondo alla stagione così come è, con quattro centrocampisti centrali, più il jolly Ansaldi da poter utilizzare, in caso di necessità.

In queste ore un nome è stato accostato ai granata, quello di Maxi Pereyra, ex Juve, da due anni al Watford, dove nel 2017 venne allenato da Mazzarri. Il procuratore Furlan non ha escluso che il suo assistito possa tornare alla dipendenze del tecnico toscano: “Mazzarri lo voleva già ai tempi del Napoli, nel 2012, dopo il suo primo campionato nell’Udinese. Se può arrivare a gennaio? Nel mercato  mai dire mai, ma Maxi non vorrebbe lasciare l’attuale squadra in un momento così delicato, anche se gli farebbe piacere tornare in Italia. E poi  il club non vuole  venderlo, a metà campionato“.

Chissà se da qui al 31 gennaio cambierà qualcosa. Senza escludere che il Toro possa battere il mercato italiano, dove un vecchio pallino del ds Petrachi come Lazzari della Spal è un nome tornato d’attualità.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore