/ Tennis

Tennis | 08 marzo 2020, 08:00

La finale dell’Open Bnl 2020 al Green Park di Rivoli sarà fra Fonio e Lavagno

Si partirà alle 14.30 di oggi, domenica 8 marzo

Giovanni Fonio

Giovanni Fonio

Si annuncia spettacolo oggi al Green Park di Rivoli con la finale dell’Open Bnl 2020, una delle più importanti rassegne su scala nazionale che metteva in palio due posti per le prequalificazioni degli Internazionali BNL d’Italia ed uno per la coppia vincitrice del doppio.

Si partirà alle 14.30 con la sfida tra Giovanni Fonio ed Edoardo Lavagno.

Fonio ieri ha confermato il grande momento di forma, che l’ha visto in stagione anche andare a bersaglio a livello di 15.000 $, nell’ITF di Antalya (dopo due scontri per il titolo persi) disponendo in scioltezza del 2.1 Andrea Guerrieri. Primo set a senso unico, con il novarese a segno 6-1. Nel secondo iniziale equilibrio (2-2) poi break per Fonio che una volta salito sul 4-2 ha preso ancora maggior fiducia ed ha chiuso all’ottavo gioco, volando in finale ed assicurandosi un biglietto per Roma: “Ci conosciamo fin dai tornei giovanili – ha detto Fonio al termine – anche se in gara non ci eravamo mai incontrati. Come nei quarti era importante partire bene, con un taglio di gioco aggressivo e sono riuscito a farlo”. Partita che è durata in totale 56 minuti.

Edoardo Lavagno ha invece dovuto sudare molto di più (2 ore e 20) per avere la meglio su Tommaso Roggero, 2.3 torinese e vera sorpresa in positivo dell’appuntamento rivolese. L’ha fatto sullo score di 4-6 7-5 6-3 trovando le migliori soluzioni mancine nelle fasi calde della seconda e della terza frazione, soprattutto con il diritto: “Siamo soddisfatti – ha detto il suo coach Laurent Bondaz – anche se è stata una vera e propria fatica. C’è sempre un po’ di tensione quando si difende qualcosa di importante (Lavagno ha vinto il torneo nel 2018 e lo scorso anno è approdato in finale conquistando così nel 2020 il suo terzo pass per gli Internazionali d’Italia consecutivo n.d.r.). Inoltre era questo il primo torneo stagionale ed alcuni meccanismi sono ancora da mettere a punto”. Commenti postivi anche dal direttore di torneo, Roberto Russo: “Avremo una bella finale per il titolo, domani, e questo è quanto conta per chi ha voluto per il secondo anno consecutivo la manifestazione. Alto nel complesso il livello tecnico messo in campo dai protagonisti nella settimana clou. Non rimane che portare a termine i due atti decisivi”.

M.B.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium