/ Basket

Basket | 14 maggio 2020, 12:02

Basket, la Reale Mutua sogna la Serie A malgrado lo stop ai campionati

La solidietà economica del club, una grande piazza alle spalle e il primo posto in regular season dell'ultima A2 potrbbero consentire un ripescaggio

Basket, la Reale Mutua sogna la Serie A malgrado lo stop ai campionati

La stagione del basket si è chiusa in anticipo, complice l'emergenza coronavirus. Niente scudetto, niente promozioni e retrocessioni, ma Torino tra qualche mese potrebbe ritrovasrsi comunque in serie A.

La Reale Mutua, forte della solidità economica del club, di uno sponsor ricco e importante, di una grande piazza alle spalle si candida con autorità per essere la diciottesima squadra che giocherà nel massimo campionato 2020-21, dopo che in questo campionato si era giocato un torneo con sole 17 partecipanti.

Il primo posto nella regular season di Legadue gioca ulteriormente a favore del sodalizio torinese, rinato a nuova vita in poche settimane, dopo l'ingloriosa fine del marchio Auxilium legato al crack della gestione Forni. La condizione per il salto di categoria sarà però la cessione delle quote societarie in mano a Stefano Sardara, già proprietario della Dinamo Sassari, che peraltro si è detto pronto a favorire l’ingresso nel club di nuovi soggetti, rappresentanti di importanti fondi internazionali e di imprenditori legati al territorio.

Quanto alla squadra, che sarà ancora allenata da Demis Cavina, sono certe le conferme di Alibegovic e Toscano, oltre a Kruize Pinkins, che ha il contratto automaticamente rinnovato in caso di salita in A, mentre bisognerà discutere con Sassari la posizione di Ousmane Diop. Ma il roster sarà una questione di cui si parlerà quando sarà chiaro il campionato cui prenderà parte la Reale Mutua.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium