/ Volley

Volley | 30 maggio 2020, 12:50

Lo sport è fermo, il Club Meisino a rischio chiusura: "Sono un imprenditore abbandonato"

La lettera del titolare, inviata al nostro giornale: "In quel centro sportivo i sacrifici di una vita, nessun contributo e nessuna riapertura"

Lo sport è fermo, il Club Meisino a rischio chiusura: "Sono un imprenditore abbandonato"

Dopo due mesi e mezzo di lockdown e quasi uno di "fase 2", a fine maggio c'è chi ancora non ha riaperto e rischia di non poterlo fare, magari chiudendo per sempre. E' il caso del centro sportivo Sport Club Meisino, uno dei cuori pulsanti del beach volley torinese e delle partite di calcio a 5.

Ad esprimere tutta la sua preoccupazione, tramite una lettera inviata al nostro giornale, è Luca Rastelli, imprenditore che dopo tanti sacrifici ha dato vita a questo piccolo capolavoro, un centro sportivo tanto frequentato e che ora, senza aiuti e certezze sulla data di riapertura, rischia di chiudere per sempre. Riceviamo e pubblichiamo la sua lettera.

"Mi presento, mi chiamo Rastelli Luca, sono un giovane imprenditore ed ho realizzato,  con i sacrifici di una vita, un centro sportivo, a conduzione familiare,  situato nel cuore del Parco del Meisino a Torino in Via Nietzsche 155 int. 25.

L’attività sportiva, consistente nell’affitto di campi da calcetto (a 5 e a 8) e beach volley per partite, è stata prontamente sospesa a causa dell’emergenza epidemiologica, dal 26 febbraio.

Purtroppo, ad oggi, per gli sport di gruppo, per i quali non si può rispettare la distanza personale di due metri, non è ancora possibile stimare né una data di riapertura né le modalità.

L’anomalia che vorrei evidenziarVi è che tale attività non ha ricevuto alcun contributo dalla Regione, la quale ha incluso nel Bonus Piemonte attività di svariato tipo che hanno continuato a lavorare (anche a domicilio o take away) o che comunque hanno riaperto (parrucchieri, estetisti).

Una struttura di questo tipo ha dei costi fissi di gestione elevati nonostante la chiusura totale e  i mancati incassi; le imposte come l’Imu e Tari, per una struttura di questa tipologia, gravano in maniera insostenibile ma il Governo ha esentato altre categorie ad es. gli albergatori.

E’ la prima volta che scrivo una lettera di questo tipologia, anche con riferimenti strettamente personali, ma ritengo che, a questo punto, sia necessario farlo.

Sono stati anni di duro lavoro, una malattia  affrontata a soli 44 anni, ma nonostante tutto si è continuato a lavorare ogni giorno,senza ricercare assistenzialismo se pur ottenibile   investendo nell’attività ogni risorsa e ogni energia ... non è accettabile che oggi un imprenditore si debba  sentire totalmente abbandonato.

La società che gestisce l’impianto è la Meisino srl, società di capitali a ristretta base societaria, di conduzione familiare. Nel settore dello sport oltre alle associazioni sportive (sicuramente la maggior parte di queste si adoperano per il sostenimento dell’attività sportiva e svolgono attività sociali importanti e perciò godono di regimi fiscali agevolati; ma ricordiamoci che a volte dietro la veste di associazione si nascondono attività commerciali vere e proprie che danneggiano il mercato con concorrenza sleale), ci sono anche piccole società di capitali ( i.e. srl) che devono essere tutelate, in qualità di contribuenti che hanno investito sul territorio senza alcuna agevolazione e  fanno parte del tessuto imprenditoriale locale.

La zona in cui insiste il centro sportivo (dietro cimitero di Sassi) era, infatti, precedentemente una zona adibita a discarica abusiva e prostituzione: la sua realizzazione ha permesso di sanificare una zona all’interno del Parco e ora questa attività è a rischio chiusura.

Ho, inoltrato, lettere in Regione al Presidente Cirio e all’Assessore dello Sport,agli uffici dellla Città di Torino(direzione ) ma non ho ricevuto alcun conforto.

La mia attività è una delle poche per cui non è neppure prevista una data di riapertura e non è stata inclusa in alcun contributo.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium