/ Atletica

Atletica | 16 luglio 2020, 08:59

Sabato 18 luglio c'è il Memorial Germanetto-Aschieris

Il Memorial dedicato al presidente di FIDAL Piemonte si unisce al ricordo di Marco Germanetto a Susa. Sarà la prima gara di corsa in montagna con i nuovi protocolli con partenza a 50. Tra gli atleti al via anche i Dematteis.

Gli atleti attraverso il castello della Contessa Adelaide di Susa

Gli atleti attraverso il castello della Contessa Adelaide di Susa

Due ricordi in un’unica data. Una manifestazione nazionale che sarà anche una prima assoluta per quel che riguarda la corsa in montagna del dopo Covid-19. Tutto questo è il Memorial Marco Germanetto e Adriano Aschieris di sabato 18 luglio. Una manifestazione nazionale di corsa in montagna a Susa (TO), individuale per le categorie giovanili, a staffetta per gli assoluti. Sarà la prima gara con il nuovo protocollo per quel che riguarda le partenze: al via in simultanea 50 atleti, suddivisi in 5 griglie di partenza da 10 atleti ciascuna, con un distanziamento interpersonale di 1,5 metri sia in senso verticale che in senso orizzontale. Un primo passo avanti verso il ritorno ad una progressiva normalità e, al tempo stesso, un antipasto del Challenge Internazionale Partigiani Stellina del 22 e 23 agosto prossimi, campionato italiano assoluto e giovanile 2020.

Cuore pulsante dell’appuntamento tricolore l’Arco di Augusto così come il Castello della Contessa Adelaide, luoghi della storia di Susa che saranno toccati anche dal Memorial Germanetto e Aschieris, insieme all’Arena (dove è posizionata la partenza) e all’Acquedotto Romani. Un viaggio nella storia antica e medievale della città segusina che sarà certamente uno splendido scenario per gli atleti al via.


Molti i protagonisti della corsa in montagna italiana attesi al via in quello che diventa così anche una prima occasione di confronto e scontro diretto dopo la ripresa dell’attività. Ci saranno i gemelli cuneesi Bernard e Martin Dematteis (Sportification), le campionesse italiane di staffetta in carica Lorenza Beccaria e Alessia Scaini (Atl. Saluzzo). Presenti, ma in due staffette diverse, i fratelli dell’Atl.

Valle Brembana Alain e Nadir Cavagna: Alain, vicecampione europeo juniores di corsa in montagna in carica, correrà con il compagno di club Nicola Mostacchetti, mentre Nadir prenderà parte alla prova mista con la compagna di club Gaia Colli. Al via, sempre per la società lombarda, anche Alex Baldaccini e Nicola Bonzi. Squadra mista come società per gli azzurri Luca Cagnati (Atl. Valli Bergamasche Leffe) e Henry Aimonod (Corrintime). In gara anche l’allieva Axelle Vicari (Pol. Sant’Orso), terza lo scorso anno sullo stesso percorso, che farà coppia con Eloisa Marsengo (Atl. Stronese-Nuova Nordaffari). Da seguire anche i portacolori del Giò 22 Rivera Paolo Gallo e Alessandro Boschis.

Tanti quindi gli spunti di interesse per una manifestazione che ha tanto da raccontare: dal ricordo di coloro a cui è intitolata (Marco Germanetto azzurro della corsa in montagna di cui ricorre il 21mo memorial, e Adriano Aschieris, presidente dell’Atletica Susa e di Fidal Piemonte, eletto a fine 2016 e scomparso improvvisamente nel febbraio 2017), agli atleti protagonisti, al nuovo protocollo organizzativo. Un’edizione dunque tutta da seguire.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium